Interfaccia Ridisegnata

Apple OSX Yosemite: da oggi la prima beta pubblica

luglio 24, 2014

OSX Yosemite prende il nome da uno tra i parchi naturali più frequentati degli Stati Uniti in California, sulla catena montuosa della Sierra Nevada. In vista della versione definitiva che uscirà questo autunno e per la prima volta nella storia di Apple, il nuovo sistema operativo uscirà in versione Beta. Da oggi, infatti, è possibile scaricare la versione di test tramite un servizio chiamato OSX Beta Program. Peccato però che lo possa scaricare solo il primo milione di utenti. Ricordiamo che non si tratta di una versione stabile e che quindi l’installazione richiede delle raccomandazioni: possibilmente installatelo su un dispositivo che non utilizzate tutti i giorni, ma se proprio volete adottarlo sul vostro computer è meglio fare prima un backup dei dati.

Analizziamo ora i vari aspetti di OSX Yosemite.

ICloud Drive verrà integrato nel sistema operativo, verrà visualizzata come cartella nella base laterale del nuovo Finder, anch’esso riprogettato.

Il nuovo centro notifiche potrà essere richiamato con un semplice swipe da destra a sinistra sul bordo del trackpad. Nuova la vista “Oggi” che si riempie di widget tra cui il meteo, promemoria, orologi e molti altri potranno essere scaricati dal Mac App Store.

Spotlight, con cui è possibile cercare qualsiasi cosa all’interno del computer e non solo, ora compare al centro dello schermo e non in alto a destra. Le risposte diventano interattive e si arricchiscono di suggerimenti.

Airdrop ora permette di scambiare file via bluetooth tra Mac e iOS oltre che tra computer Mac.

Safari guadagna velocità grazie al nuovo motore Javascript Nitro. Quanto alla privacy, ora è disponibile il motore di ricerca DuckDuckGo, dove non resta alcuna traccia delle nostre ricerche, ed è possibile aprire nuove schede per la navigazione privata.

Continuity, il computer come estensione del telefono. Questo aspetto è forse il più interessante e sarà compatibile solo con la versione mobile iOS 8. Immaginate di avere il cellulare in un altra stanza, vi arriva una chiamata e in alto a destra sullo schermo del vostro Mac compare un badge che vi permette di rispondere direttamente a voce, inviare un messaggio di risposta oppure rifiutare la chiamata. Simile il procedimento per effettuare chiamate, inviare messaggi e quant’altro. Vi ricordiamo che le telefonate avvengono tutte attraverso iPhone e non attraverso il VoIP. L’app messaggi viene potenziata, guadagna la chat di gruppo, i messaggi vocali e la possibilità di visualizzare su Mac anche tutti i messaggi inviati e ricevuti sul vostro smartphone. Infine Handoff e Instant Hotspot, il primo permette di iniziare un’azione sul dispositivo mobile e di terminarla sul computer, il secondo offre la possibilità di attivare automaticamente il tethering dello smartphone dal Mac.

Questi sono solo alcune novità che caratterizzano il nuovo sistema operativo OSX Yosemite, per avere maggiori approfondimenti clicca qui.

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Tags:

Nessun commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.