Privacy Google

Google: italiani più tutelati grazie al Garante della Privacy

luglio 25, 2014

Siamo dinanzi al primo provvedimento in Europa che, nell’ambito di un’azione coordinata con le altre Autorità di protezione dei dati europee ed a seguito della pronuncia della Corte di Giustizia europea sul diritto all’oblio, non si limita a richiamare al rispetto dei principi della disciplina privacy, ma indica nel concreto le possibili misure che Google deve adottare per assicurare la conformità alla legge.

Il Garante della privacy ha stabilito che il colosso di Mountain View non potrà utilizzare i loro dati a fini di profilazione se non ne avrà prima ottenuto il consenso. Ma non solo: dovrà anche dichiarare esplicitamente di svolgere questa attività a fini commerciali. Si è conclusa quindi con un provvedimento prescrittivo l’istruttoria avviata lo scorso anno dal Garante italiano a seguito dei cambiamenti apportati dalla società alla propria politica della privacy.

La società, inoltre, ha unificato in un unico documento le diverse regole di gestione dei dati relative alle numerosissime funzionalità offerte (Gmail, GooglePlus, Google Wallet, YouTube, Street View, Google Analytics) procedendo pertanto all’integrazione e interoperabilità anche dei diversi prodotti e dunque all’incrocio dei dati degli utenti relativi all’utilizzo di più servizi.

Continua su repubblica.it

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Nessun commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.