microsoft-nokia-ballmer-elop

Microsoft acquista i cellulari di Nokia per 7,17 miliardi di dollari

settembre 03, 2013

C’è chi lo aveva detto il primo giorno e oggi si gode la bontà delle sue previsioni. Era febbraio 2011: Microsoft e Nokia avevano annunciato l’accordo di esclusiva per la piattaforma Windows Phone sui Lumia e investimenti milionari da parte di Redmond in marketing e ricerca. Il ceo dell’azienda finlandese era da poco Stephen Elop, ex Microsoft. La stima era questa: Elop va Nokia, Microsoft la compra, Elop torna a Redmond da ceo. Non tutto è avvenuto ma la notizia arrivata in Europa di prima mattina ci è molto vicina. Microsoft compra la divisione device e servizi di Nokia per 3,79 miliardi di euro e la licenza sui brevetti (mappe comprese) per 1,65 miliardi. In totale il merger si chiude per 5,44 miliardi di euro, 7,17 miliardi di dollari. Le attività trasferite a Microsoft valgono 14,9 miliardi di euro, circa il 50% delle vendite di Nokia nel 2012.

L’accordo dovrebbe chiudersi nel primo trimestre 2014. A quel punto circa 32mila dipendenti Nokia passeranno a Microsoft, inclusi 4.700 che lavorano in Finlandia e 18.300 che si occupano nel mondo della produzione, assemblaggio e packaging. I dipendenti complessivi di Nokia prima dell’operazione erano oltre 90mila. L’azienda finlandese “perde” i device, ma mantiene il business delle reti dopo aver rilevato il 50% della joint venture con Siemens pochi mesi fa, la divisione Here (mappe, di cui Microsoft ha la licenza di utilizzo) e ricerca e sviluppo.

La discussione tra le compagnie era in corso da tempo, come scritto dal Wall Street Journal lo scorso giugno. L’accordo non si era trovato sul prezzo. Nel frattempo si era parlato di un interesse anche da parte della cinese Lenovo. Nokia è stata numero uno nel mercato dei telefonini fino a un anno fa, ma da anni ha perso la leadership nel mercato di fascia alta dove ha subito l’arrivo dell’iPhone di Apple e gli smartphone Android, quelli di Samsung in particolare. Elop è stato criticato più volte per la scelta di Windows al posto di Android, ma si è sempre difeso dicendo che il rischio era di sparire dietro i produttori coreani. L’ambizione era dunque quella di creare un terzo polo. Per ora resta tale, visto che secondo i dati Gartner nel secondo trimestre la percentuale di smartphone Nokia nel mondo era del 3,1% (3,3% la percentuale di Windows) contro il 31,7% di Samsung e il 14,2% di Apple.

«Nokia sull’hardware ha dimostrato di essere ancora in grado di realizzare buoni prodotti – commenta Carolina Milanesi di Gartner -. Ha però un problema di brand, che non ha la stessa attrattiva dei principali player. Credo che Elop in questi anni si sia mosso bene e che scegliere Android sarebbe stato rischioso». Ora che le aziende parleranno una sola lingua, l’obiettivo è spingere sull’innovazione con tempi più rapidi, maggiore integrazione tra le piattaforme, «più sinergie, brand e marketing unificati» spiega il comunicato di Redmond. «Credo che i tempi fossero maturi – spiega Milanesi -. Sul successo dell’acquisizione, dipende molto da come verrà integrata Nokia. Certamente ora Microsoft potrà beneficiare dei pluriennali rapporti di Nokia con gli operatori, oltre ai canali commerciali tradizionali del pc. Credo che l’operazione avrà successo nella misura in cui sarà Nokia a guidare la strategia sul mobile».

Continua su ilsole24ore

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Tags:

Nessun commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.