BWF

Sesso via Facebook, l’app arriva sui telefoni

maggio 15, 2013

Il successo di «Bang with Friends», letteralmente fare sesso con gli amici, è stato immediato. L’applicazione Facebook, online da inizio anno e che permette – in sostanza – di contattare anonimamente gli amici sul popolare social network per combinare incontri sessuali, ha fatto molto rumore e destato non poche polemiche. Ora i creatori tentano il grande salto: l’app arriva sugli smartphone, verisone sia iOS, sia Android.

Di più: a quanto pare, gli inventori (tre ragazzi laureati della California, anch’essi anonimi) stanno assaporando il successo e avrebbero già raccolto un milione di dollari di finanziamenti. Non è chiaro, invece, per quanto tempo Apple continuerà a tollerare la controversa applicazione nel suo Store.

L’app è piombata su Facebook come una bomba. Nel giro di poche settimane «Bang with Friends» era oramai sulla bocca di tutti; ha già superato il milione di utenti. Ma come funziona? Il meccanismo è semplice: basta entrare con il proprio account Facebook nella pagina e spuntare dalla lista gli amici (rigorosamente del sesso opposto) con cui si vorrebbe andare a letto. Il «fortunato» riceverà una breve mail e potrà a sua volta scegliere se rispondere picche o accettare effettivamente la proposta.

L’app che permette di saltare ogni preliminare spiega di voler aiutare «l’utente anonimo a trovare “amici” per la notte, permettendo però di “abbinare” soltanto persone che accettano tra loro di volersi conoscere». Appunto. La differenza tra usare «Bang With Friends» e mandare un semplice (ed esplicito) messaggio starebbe tutta nell’anonimato. In altre parole: finché solo uno dei due avrà mostrato interesse l’invito via e-mail non sarà consegnato e l’app resterà muta.

Ma attenzione: timori si sono levati recentemente perché la privacy degli utilizzatori, cosiddetti «anonimi», sarebbe in realtà in «serio pericolo». Alcune notifiche, come quella dell’iscrizione alla pagina, rischiano infatti di apparire pubblicamente.

[…]

Continua su Il corriere della sera

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Nessun commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.