future-internet-of-things

Smart TV nelle reti domestiche: il problema della sicurezza è reale?

aprile 29, 2014

Negli scorsi mesi si è molto discusso sulla possibilità di compromettere i PC connessi alle nostre reti domestiche attraverso malware progettati per infettare i dispositivi che sono presenti nelle nostre case. Questi timori sono cresciuti col l’affermarsi del paradigma delle Internet of Things riferito alla connessione di un numero crescente di oggetti di uso quotidiano alla rete Internet.

Oggi ci troviamo circondati nelle nostre case da dispositivi sempre connessi ad Internet, controllabili in remoto e capaci di scambiare dati sul loto stato, si tratta di router, Smart TV, forni e frigoriferi intelligenti. Il numero di dispositivi cosiddetti intelligenti è in crescita esponenziale, ma gli esperti di sicurezza sono convinti che i principali produttori di questi sistemi non abbiano affrontato in maniera soddisfacente le problematiche di sicurezza.

Nelle scorse settimane Eugene Kaspersky, CEO e fondatore del Kaspersky Lab, in un’intervista al Telegraph ha discusso della possibilità che un virus possa infettare le nostre reti domestiche propagandosi dal PC ad altri dispositivi interconnessi, come il nostro Smart TV. L’impatto è drammatico se pensiamo che entro il 2016 oltre 100 milioni di TV intelligenti saranno presenti nelle nostre case, un’occasione irripetibile per hacker e criminali informatici.

Come ribadito da Kaspersky, ogni dispositivo connesso ad Internet è vulnerabile ad attacchi informatici, in un contesto simile è lecito attendersi che gli autori di codici malevoli specializzeranno i loro malware per infettare le nostre reti domestiche. E l’Internet delle Cose sarà, secondo molti, il campo di battaglia di criminali informatici e agenzie di intelligence.

Alla domanda specifica se fosse possibile la creazione di un virus in grado di infettare una Smart TV Kaspersky ha risposto che non è stato ancora osservato nulla di simile, ma che sicuramente è qualcosa che accadrà nel prossimo futuro. La differenza tra un PC ed una TV di ultima generazione è davvero minima. Secondo Kaspersky, quindi, è questione di tempo e, come già accaduto per gli smartphone ,anche i dispositivi intelligenti delle nostre case saranno “infettabili” da codici malevoli.

Continua su techeconomy.it

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Tags:

Nessun commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.