Disco-ottico-al-vetro-di-quarzo-650x245

Vetro di quarzo per memorizzare 300 TB su DVD

luglio 16, 2013

I ricercatori dell’Università di Southampton (Regno Unito) hanno inventato una nuova tecnologia di memorizzazione che permette di immagazzinare oltre 300 TB di dati all’interno di un tradizionale disco ottico. Ma a differenza dei media attuali, il supporto sperimentale è fatto di vetro al quarzo. Oltre alla possibilità di registrare enormi quantità di dati, questo materiale garantisce una durata molto superiore, praticamente infinita.

Il team guidata dal ricercatore Jingyu Zhang ha dimostrato che l’informazione può essere memorizzata nel vetro sfruttando la variazione della sua birifrangenza, una proprietà legata al modo in cui la luce polarizzata si muove attraverso il vetro. Quando colpisce la superficie di un materiale birifrangente, il raggio di luce si divide in due parti che seguono percorsi differenti. Nel comuni DVD in plastica, i dati sono registrati bruciando microscopici “pit” su più livelli del disco di plastica, quindi vengono utilizzate tre dimensioni. La tecnica sviluppata da Zhang, invece, aggiunge altre due dimensioni ottiche.

Il prototipo realizzato dai ricercatori permette di raggiungere una velocità di 1 MB/s, ovvero la velocità dei primi masterizzatori, ma la possibilità di scrivere più strati di vetro consente un netto aumento della densità di registrazione. Inoltre, il vetro di quarzo può resistere a temperature fino a 1.000 gradi. Il costo maggiore dei DVD sarà quindi compensato dalla maggiore capacità (fino a 300 TB) e da una durata di oltre 1 milione di anni.

Continua su Webnews

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Tags:

Nessun commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.